Non lo dico solo io...

"Se volete figli intelligenti leggete loro le fiabe. Se volete figli molto intelligenti leggete loro molte fiabe." Albert Einstein

Contatti

Sei un illustratore o un'illustratrice per l'infanzia in cerca di favole da illustrare e ti piacciono i contenuti del mio sito? Puoi contattarmi all'email info@favoledellabuonanotte.it; insieme possiamo provare a creare un progetto editoriale da proporre a qualche casa editrice del settore.

Magodelfia eBook

Leggi il mio eBook di Enrico di Magodelfia (le avventure del bambino terrestre che riportò la libertà nel paese dei maghi): il mio primo romanzo per bambini che divertirà sia i piccoli lettori che i loro genitori.

Favole su misura

Se vuoi raccontare ai tuoi figli o ai tuoi nipotini una favola fatta su misura per loro, inviami i particolari che dovranno caratterizzarla (nomi dei personaggi principali, ruolo del/della protagonista, ambientazione specifica etc etc), la riceverai in circa tre settimane via email e se vuoi verrà pubblicata sul sito. SERVIZIO MOMENTANEAMENTE SOSPESO - mi dispiace tanto ma purtroppo non riesco più a star dietro alle richieste, spero di riprendere il prima possibile

Facebook

Rossella voleva raccontare ai suoi piccoli una fiaba che riguardasse la loro nascita, poichè a Majbritt e Francesco piace molto sentirsi raccontare e riraccontare di quel magico momento in cui sono arrivati al mondo ...

 

 

La nascita di Majbritt e Francesco


Nel bosco degli elfi vivevano Rossella e Luigi, anche se loro due elfi non erano.
I due giovani sposi si erano infatti trasferiti laggiù dopo il matrimonio e vivevano in un'accogliente
casa su un albero.
Il bosco si trovava esattamente a metà strada tra la Città degli Smeraldi e il Paese dei Tulipani.
Nella Città degli Smeraldi era nato Luigi mentre nella Città dei Tulipani era nata Rossella.
Quando decisero di sposarsi si misero alla ricerca di una nuova casa, ma si accorsero ben presto che i
prezzi delle abitazioni erano molto alti sia nella città di Luigi che nel paese di Rossella.
Gli elfi decisero allora di invitarli nel loro bosco: Luigi era un maestro nel riparare le ali di fata e i
corni degli unicorni, mentre Rossella era un'ottima insegnante e poteva fare da maestra a tanti
piccoli elfi trasmettendo loro tutta la scienza degli uomini.
– Luigi, pensi che dovremmo accettare la proposta degli elfi?- domandò Rossella al futuro
marito.- Non sarebbe forse troppo insolito andare a vivere laggiù? Noi due non siamo elfi, non credi forse che sarebbe meglio trovare alloggio in un normale condominio cittadino anzichè cercarlo in un bosco magico?
– Non saprei,- rispose Luigi- però credo di no. Intanto andiamo a vedere la casa, poi decideremo.
Quando Rossella e Luigi andarono a vedere la casa sull'albero che il re degli elfi aveva preparato
per loro, s'innamorarono a prima vista di quell'abitazione deliziosa ricavata su una sequoia
centenaria.
– Vi piace?- domandò loro Eribart, il re degli elfi, sperando che i due giovani acconsentissero
a trasferirsi nel bosco incantato.
– Si, è meravigliosa!- esclamarono entusiasti i futuri sposi.
Fu così che, dopo il matrimonio, Rossella e Luigi si trasferirono nel bosco degli elfi, dove la vita
scorreva dolce e serena.
Al mattino, dopo essere svegliati dal violino degli gnomi, facevano colazione con le bacche
selvatiche, con il pane fragrante e con il latte appena munto della mucca Obelisca, la mucca che
faceva il latte più goloso fra tutte quelle della corte del re Eribart. Perchè il latte di Obelisca poteva
definirsi goloso? Perchè lei era in grado di farlo con scaglie di cioccolato fondente che si
scioglievano lentamente e si sposavano col sapore del latte in maniera sublime.
Durante il giorno Rossella si dedicava a insegnare la matematica, le lettere, la storia e la geografia ai piccoli elfi, mentre Luigi girava in lungo e largo tutta la contea per riparare ali di fata e corni di
unicorni, ma a all'occorrenza sapeva anche curare i raffreddori degli gnomi e degli elfi con le sue
tisane alle erbe aromatiche.
Un bel giorno Rossella si accorse di aspettare un bambino.
La dottoressa Betulla venne a visitarla direttamente dal Paese dei Tulipani:- Ho una gran notizia per
te, Rossella.- le disse con voce squillante- I bambini in arrivo sono due! Un maschietto e una
femminuccia. Sei contenta?
Rossella era felicissima, al settimo cielo, e non vedeva l'ora di metterli al mondo e poter giocare con
loro:- Li chiamerò Majbritt e Francesco.- disse a Betulla- Quando nasceranno?
– Nasceranno a fine Settembre, saranno il regalo che ti farà la fine dell'Estate e l'inizio
dell'Autunno- le rispose Betulla.
– Vorrei che nascessero già domani ...- sospirò dolcemente Rossella.
I mesi trascorsero e finalmente giunse Settembre.
La dottoressa aveva detto a Rossella di presentarsi alla clinica del Paese dei Tulipani intorno al 20
del mese, per ricoverarla e aiutarla e dare alla luce i due bambini. Accadde però che, arrivati al 10
del mese, giunse una grave notizia nel regno degli Elfi:
– Luigi, mi devi aiutare, ti prego di aiutarmi!- disse Eribart piangendo- Mia figlia, che vive nel
Regno del Nord ed è una delle fate più belle di tutta la contea, sta rischiando di morire
poiché in uno scontro con una strega della steppa ha quasi perso entrambe le ali!
– Quasi perso?- fece Luigi- Che intendi dire esattamente?
– Un'ala è interamente lacerata e un'altra è strappata per metà. Ti prego, vai laggiù e aiutala a
riprendersi, ripara le sue ali o altrimenti morirà.
– Io vorrei tanto andare ad aiutarla,- rispose Luigi- ma fra dieci giorni potrebbero nascere i
miei bambini e non posso lasciare Rossella da sola pechè potrebbe aver bisogno di me.
Il Regno del Nord è così lontano e il viaggio è pieno di insidie e di pericoli. Cerca di
capirmi, non posso recarmi fin laggiù proprio ora.
– Te lo chiedo in ginocchio, ti supplico.- insisteva Eribart- Ti farò volare fin laggiù su un un
cavallo alato che ti riporterà indietro in un batter d'occhio, ti prego, aiutami!
– Luigi,- intervenne Rossella- vai, ti dico io di andare. Gli elfi ci hanno sempre trattato come un re e
una regina ed è giusto per noi contraccambiare. Se anche tu non dovessi esserci per la
nascita dei bambini vorrà dire che me la caverò da sola.
– Aiuteremo noi Rossella a partorire,- promise Eribart- te lo prometto!
Fu così che Luigi partì. Rossella si sentiva tranquilla e si apprestava a prepararsi per il giorno
fatidico. L'indomani però, verso sera, accadde qualcosa di inaspettato.
– Aiuto! Aiutatemi, qualcuno mi aiuti!- gridò Rossella.
Immediatamente arrivò Griselda, la moglie di Eribart:- Rossella, eccomi, cosa è accaduto?
– Temo di avere già le doglie, ahi! Che dolore, ahi!
– Oh santo cielo! Non preoccuparti piccola mia, ti faccio trasportare in un batter d'occhio alla
clinica del Paese deli Tulipani. Eribart, presto, chiama Corinna!- Corinna era la cicogna del
bosco degli elfi, una meravigliosa e coraggiosa cicogna dal piumaggio candido e dal becco
poderoso.
Corinna arrivò immediatamente con un enorme lenzuolo nel becco:- Presto,- disse a tutti gli elfi che
nel frattempo erano sopraggiunti- aiutatemi ad adagiare la partoriente sul lenzuolo.
Pochi secondi dopo Rossella era stata affidata alla cicogna Corinna, che la trasportava in volo nel
lenzuolo bianco ben stretto nel suo becco. Se Rossella non avesse avuto le doglie che le impedivano
di godersi il paesaggio, avrebbe potuto ammirare una meravigliosa veduta dall'alto di tutto il bosco
degli elfi illuminato da mille lucciole e dalla luna sonnecchiante.
Due minuti dopo erano giunte nella clinica del Paese dei Tulipani e, qualche ora dopo, la dottoressa
Betulla aveva aiutato Rossella a mettere al mondo Majbritt e Francesco.
In quegli stessi istanti Luigi, dopo aver salvato la figlia di Eribart e Griselda, faceva ritorno al bosco
degli elfi dal Regno del Nord.
– Presto Luigi,- gli dissero gli elfi al suo arrivo- devi raggiungere tua moglie alla clinica, a
quest'ora avrà già partorito!
– Oh santo cielo!- esclamò Luigi- Sono arrivato troppo tardi! Eribart, ho salvato tua figlia,
aiutami ora a raggiungere mia moglie per andare a conoscere i miei bambini. Potranno mai
perdonarmi di non essere stato presente al momento della loro nascita?
– Vieni con me,- disse Eribart- si parte!- Eribart schioccò le dita e arrivò all'improvviso la
mucca Obelisca- Ti ho mai detto che Obelisca sa anche volare? Montiamo in sella!
Eribart e Luigi arrivarono alla clinica in sella ad Obelisca, che dentro di sé era piena di latte al
cioccolato da mungere, ma riuscì ugualmente a volare con estrema destrezza.
– Eribart, vorrei fare un regalo a mia moglie e ai miei due bambini.- disse Luigi- È notte e il
cielo è sereno, la luna se ne sta a dormicchiare tranquilla, le darebbe fastidio se le
chiedessimo una pioggia di stelle cadenti per illuminare la mia famiglia?
– Detto, fatto.- rispose Eribart.
Appena Luigi varcò la soglia della stanza di Rossella, una scrosciante pioggia di stelle cadenti
illuminò il cielo con una luce da fare invidia a dieci soli messi assieme.
Alcune stelle si fermarono addirittura sul davanzale e rimasero lì a danzare per un po'. Luigi corse
ad abbracciare Rossella e pianse di gioia nel vedere per la prima volta Majbritt e Francesco avvolti
in un panno candido.
I due bambini, accolti alla nascita da una pioggia di stelle cadenti e da una luna tutta per loro,
sarebbero cresciuti felici e pieni di quella luce degli astri, quella luce che il papà aveva scelto di
regalare ai suoi piccoli per festeggiare in modo speciale il giorno del loro arrivo al mondo.

una favola di  Arianna Lana

 

Commenti (10)
  • Anonimo

    :D a Mattia questa favola è piaciuta molto perché è piena di fantasia, però stasera è un po' malato per cui non è riuscito ancora ad addormentarsi e mi sta chiedendo di leggerne un'altra.....

  • Arianna

    Ciao Gennaro,

    mi dispiace per il piccolo Mattia, se la favola allevierà anche in minuscola parte il suo malessere di stagione ne sarei felicissima (anche se credo che latte caldo, miele e spremute di agrumi avranno un effetto decisamente più determinante ...)

    Nel frattempo, che bello ritornare con la mente a quando da bambini si avevano quelle due lineette di febbre ... e tutti, fra genitori, nonni e zii, erano pronti ad accudirti ed esaudire ogni tuo desiderio (come ad esempio cucinarti il tuo piatto preferito o comprarti un albo di Topolino in più) ... :D

    tanti auguri di pronta guarigione per Mattia,

    ciao,

    Arianna

  • Daniele  - Una bellissima favola !

    "E' una storia molto tenera e bella, ideale per far dormire i bambini, siano stanchi o meno. Brava, ottima favola"
    CHIARA, 7 anni


    Ciao Arianna,
    grazie per il meraviglioso viaggio che ci hai regalato con questa fiaba. E' bello salutare la mia piccola prima del sonno e volare con lei sulle ali della fantasia, quella bella, piena di luci e colori, che ci aiuta a guardare con occhi diversi il mondo che ci circonda.
    Complimenti ancora e, se vuoi, continua così!!
    Daniele, papà di Chiara


  • Arianna

    Ciao Daniele,

    grazie del tuo bel messaggio, mi fa sempre tanto piacere riceverne di così.

    Sicuramente ce la metterò tutta per continuare, in quanto dalla sera del 25 dicembre scorso ho una motivazione in più: sono diventata mamma di una bella bambina, Caterina, e non vedo l'ora di poterle raccontare le mie favole e quelle degli autori che più amo. Sono anche curiosissima di ascoltare i suoi giudizi e, perché no, spero che anche lei ogni tanto desideri raccontare una favola per me .

    Un caro saluto alla piccola Chiara,

    Arianna

  • Anonimo

    Carissima Arianna , la storia di Rossella e Luigi è stata deliziosa come una torta alla panna e cioccolato! Grazieeeeeee

  • Arianna

    Uau, questo paragone sì che mi onora, vorrei che tutte le mie favole fossero riuscite come una torta alla panna e cioccolato! :D

    Grazie del commento e buone letture,

    Arianna

  • Emanuela

    Il mio bambino si è addormentato mentre gliela leggevo. Immagino stia volando sulla mucca dei sogni in mezzo a una pioggia di stelle cadenti...
    Grazie. ... e un magico riposo a tutti!

  • Arianna

    Ciao Emanuela,

    che emozione sapere di aver fatto volare il tuo piccolo sulla mucca Obelisca nella notte stellata :D

    Grazie a te per il tuo commento, spero di riuscire a sortire un effetto simile anche con qualche altra favola.

    Buone letture e a presto,

    Arianna

  • Massimo  - Grazie molte le tue fiabe trasnettono sempre seren

    Grazie molte Arianna,
    le tue fiabe trasmettono sempre serenita' e riportano il buonumore.

    Tutte le sere che ho messo a letto i miei 2 piccoletti Thomas 9 e Gioia 6 anni leggendogli le tue bellissime favole si sono sempre addormentati prima della fine della lettura che riprendo sempre la sera successiva perche' vogliono sapere come finisce la storia,
    si addormentano sempre senza batter ciglio ed ogni volta chiedendomi .... cosa stanno sognando adesso? ... in quor mio ringrazio sempre le "cicogne" perche' ci hanno donato 2 splendidi bambini.

    Un bacione anche ai tuoi pargoli e mi raccomando continua a scrivere favole che non vogliamo che per caso "perdessi la mano" ;))

    Grazie nuovamente

  • Arianna

    Ciao Massimo,

    grazie del tuo bellissimo messaggio, per me è sempre una grande soddisfazione sapere che le mie favole sono state utili a conciliare dei bei sonni e dei bei sogni.

    Credimi, vorrei dedicare molto più tempo a scrivere altre storie, ma purtroppo non ci riesco quasi mai ...

    Io al momento di pargola ne ho una sola, però sarebbe sicuramente bello raddoppiare e spero che la cicogna abbia presto voglia di fare un altro salto qui da noi.

    Un caro saluto ai tuoi piccoletti e, se li porti in biblioteca, prova a chiedere le fiabe di Leo Leonni, sono sicura che gradiranno parecchio,

    buona giornata,

    Arianna

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img]   
:D:angry::angry-red::evil::idea::love::x:no-comments::ooo::pirate::?::(
:sleep::););)):0
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
 

Leggi alcune delle "favole su misura" richieste dai nostri lettori

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulla pubblicazione di nuove favole e sulle altre iniziative del sito










CONSIGLIATI DA NOI